il peyote _ castaneda - Percorso Sciamanico

Vai ai contenuti

Menu principale:

il peyote _ castaneda

Il mescalito o peyote, è una pianta sacra che contiene un alcaloide allucinogeno. Il termine azteco è Peyote, quello latino Lophophora Williams.

In Messico viene impiegato a scopi magici e terapeutici.
Si tratta di un piccolo cactus privo di spine, simile al tubero di una rapa, che cresce spontaneamente nel deserto. I fiori grigiastri, o bottoni, hanno la forma di un fungo e contengono diversi alcaloidi, tra cui la mescalina, che è una droga potente e pericolosa, che può essere consumata in vari modi e provoca una alterazione delle percezioni sensoriali senza dare assuefazione.
Fin dall’epoca precolombiana, il peyote è stato usato dalle popolazioni indigene nel corso di riti religiosi per raggiungere il contatto diretto con l’energia.
Nel mondo moderno la mescalina è sperimentata negli ospedali sui malati mentali gravi come gli schizofrenici e gli psicotici, perché i suoi effetti modificano le onde mentali.
Quando la Chiesa cristiana arrivò in Messico, l’Inquisizione proibì duramente l’uso del peyote ma invano, perché i fedeli non rinunciavano a una via tanto potente di trance con cui accedere all’energia divina, anzi dopo il 1800 il culto del peyote, o peyotismo, si diffuse anche tra gli Indiani degli Stati Uniti.
La Chiesa cristiana ha combattuto questo culto in ogni modo riuscendo a metterlo fuori legge in 14 stati. Ma finalmente, nel 1940, la Native American Church, detta anche Peyote Cult, che sintetizza il culto del peyote con le credenze cristiane, è riuscita a farsi riconoscere la libertà di culto.
Il Peyote Cult è praticato principalmente da Sioux e Navajo.
Problemi particolari nacquero dal fatto che anche sotto le armi i giovani pellerossa avevano momenti rituali in cui assumevano il peyote, e ciò era equiparato all’assunzione di droga, reato molto grave, così si vietò loro di praticare il culto ed essi si considerarono dei perseguitati religiosi.
La questione si è protratta per anni con scontri molto duri.
Dopo il 1960, finalmente, la legge americana ha riconosciuto ufficialmente il diritto a certi gruppi di nativi di utilizzare l’allucinogeno in spazi rituali appositi.
Il Peyote Cult unisce le regole dell’antico culto amerindo ai dogmi cristiani, e comprende inni, preghiere e norme che bandiscono l’alcool e impongono il rispetto della famiglia e della natura.
(Qui, nei miei corsi, faccio sentire una cassetta dove ho raccolto una antologia di richiami sciamanici da tutto il mondo, e dove c’è anche una salmodia del culto del peyote. Il canto successivo è di uno sciamano jivaro (Ecuador), guaritore spirituale, che, per curare gli ammalati, beve prima una bevanda allucinogena detta natema per entrare in trance e comunicare con gli spiriti. Lo sciamano fischia per avvisare gli spiriti poi canta per loro perché lo aiutino a cacciare il male).

TUTTI GLI ARTICOLI DEL SETTORE SCIMANESIMO TOLTECO,
SONO STATI REDATTI dalla d.ssa  Viviana Vivarelli del web Masada, che ringraziamo per la gentile concessione Mitakuye Oyasin Cristian Sinisi




Esperienze Spirituali Con Aquila Bianca Cristian Sinisi
Torna ai contenuti | Torna al menu